Uncategorized

31 Dicembre 2021

È strano, sai? Mi sento all’inizio di un viaggio. Non ho mai dato grande importanza alle date, eppure stavolta mi sento davanti a una soglia. Una specie di cancello socchiuso. O forse no, non proprio un cancello. Non lo sento così imponente, così solenne. Ha più il profumo di un sentiero che si allunga piano nel prato. Si snoda verso la foresta, le colline, i paesaggi lontani che scorgo appena tra le foschie della distanza. Non l’ho mai percorso prima, eppure mi invita, mi incuriosisce. C’è una specie di filamento invisibile che si allunga dall’ombelico e già si infila nei primi passi della via. La anticipa, forse me la fa già intravedere nei sogni. Viene un profumo fresco e nuovo da questa direzione. Me lo godo senza fretta. Forse è questo il momento che preferisco, il momento immobile prima di muovere il primo passo. 

Dormirò qui stanotte. Davanti all’inizio di un sentiero che mi chiama e che non conosco. Lo zaino è fatto e la bussola è in tasca, ma per il momento il fuoco scoppietta e il corpo riposa. Oggi attenderò qui il tramonto e lo guarderò sfumare nelle stelle. Da domani sarò in viaggio, ma stanotte no. Stanotte resto ferma, vuota di esperienza e piena di intento. Sarà come prima di nascere, quando ogni cosa era in me e premeva piena d’amore. Sarà come prima del tempo.

Non ho mai dato grande importanza alle date, eppure oggi è proprio il giorno giusto per questa serata particolare. Siediti con me. Lasciamola passare insieme. Dolcemente. 

Elisa

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.